11/01/09

Canone RAI

C'era una volta la TV pubblica.
Faceva informazione ed educava gli italiani. Limitava le trasmissioni a soggetti di "qualità" che non attraendo il grande pubblico non poteva accedere a grossi proventi pubblicitari e quindi aveva bisogno di "sostego pubblico" (cioè il canone)

Oggi abbiamo molti canali e molta scelta. Una tv pubblica esattamente uguale a quella privata che invece di avere soggetti di "qualità" è spesso più scadente di quella privata. Ha più pubblicità delle reti private ma nonostante questo chiede ancora il canone. E come lo chiede? Facendo mandare allo stato (e pagando noi quindi spedizione, moduli, stampa...) una lettera a tutti gli italiani (a me è arrivata la scorsa settimana).

Due domande:
1. perchè la rai non va avanti con la pubblicità come tutte le altre reti? perchè i soldi, alla rai, spariscono?
2. perchè lo stato ricorda di pagare questa tassa, e solo questa? perchè non ricorda la tassa passo carraio con una lettera, e non ricorda il bollo auto con una lettera, e non ricorda....?
Forse perchè è una tassa talmente vergognosa che nessuno pagherebbe senza sollecito!

1 commenti:

Uberuomo ha detto...

I soldi alla RAi non spariscono. Se li incula tutti la Ventura. Ora, la domanda giusta è: chi s'incula la Ventura?

 

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.

Questo blog aggrega liberi pensieri e libere opinioni NON sottoposti ad alcun tipo di moderazione o censura. Si declina ogni responsabilità per opinioni e commenti pubblicati da utenti non registrati e/o anonimi. Questo blog NON rappresenta una testata giornalistica, NON aggrega notizie e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Questo blog è esente da ogni obbligo di iscrizione o registrazione previsto dalla Legge sull'Editoria (legge n.117 del 07.05.2012) in quanto NON ospita pubblicità, NON ha ricavi, e NON riceve contributi di alcun tipo.

Filippo Gatti Blog Copyright © 2013 -- Powered by Blogger